MAGGIORANZA FANTASMA

paesaggio urbano.jpg

<<Maggioranza fantasma>>. Non è tenero Giuseppe Varone, fatto oggetto nei giorni scorsi di strali acuminati, nei confronti dell’Amministrazione comunale. <<Se Esperia è in forte recesso demografico – afferma il rappresentante del PdL – e soprattutto ferma dal punto di vista dello sviluppo e delle opportunità la responsabilità è tutta dell’Amministrazione comunale. La colpa sta nell’impegno mancato di una maggioranza fantasma che, non sa, non vuole o non può fare troppo e di un sindaco che concretamente non ha dato la spinta che il paese aspetta promettendo cose che non si sono mai avverate. Quali problemi, nel settore turistico, sportivo, urbanistico, agricolo, economico o sociale, hanno risolto il sindaco, gli assessori e i consiglieri di Maggioranza? Semplice. Nessuno. La cosa peggiore – spiega Varone – è che l’attuale maggioranza si sente fiera del suo operato, cioè di: non aver ancora realizzato i parcheggi (l’istruttoria per il progetto del multipiano era incompleta e non rispettava le norme regionali e comunali); aver solo parlato di turismo (l’albergo diffuso non esiste, il castello non è ancora accessibile nonostante i migliaia di euro spesi, non esistono servizi e non sono stati messi in campo strumenti per crearne); essersi occupata dell’assegnazione delle case popolari solo pochi mesi prima della scadenza del mandato elettorale (in cinque anni di amministrazione si sarebbero potuti individuare altri siti per l’edilizia residenziale pubblica); aver lasciato campi sportivi inagibili, pericolosi e privi di un regolamento che ne consentisse la gestione da parte delle associazioni e società sportive esperiane; non aver dotato il paese di una connessione wireless gratuita per i residenti nonostante il segnale ADSL senza fili sia già presente su tutto il territorio comunale. In assenza di risultati concreti – rileva il coordinatore della “Giovane Italia” di Esperia – l’allegra squadra amministrativa ha il coraggio di dichiarare di aver realizzato più opere del previsto. Significa che per loro aver fatto in cinque anni un po’ di manutenzione e aver progettato male opere come ad esempio la scala in cemento armato a Badia, è aver superato se stessi. E questi signori dovrebbero continuare a governare Esperia? Moretti vorrebbe fare ancora il sindaco continuando con le sue inutili promesse? Se veramente avessero a cuore le sorti di questo paese dovrebbero  spiegare : 1) come mai il progetto del multipiano è stato giudicato  irregolare da un Tribunale; 2) perché non sentono nessuno di Esperia e tentano di imporre le scelte dall’alto; 3) quante spese ha sostenuto il comune e quali di esse non hanno prodotto alcun risultato a beneficio dei cittadini; 4) perché non abbiamo ancora un nuovo piano regolatore generale; 5) perché in questi anni la vivibilità del paese non è migliorata; 6) perché nella frazione di Esperia Superiore si stanno chiudendo tutti gli esercizi commerciali senza che il comune muovesse un dito; 7) quanti anni dovranno ancora passare per rendere fruibili per le imprese che vorrebbero investire le aree della zona artigianale di Badia. 

Esperia ha bisogno di una politica che sia al servizio del cittadino – conclude Giuseppe Varone – e che si occupi dei problemi reali del paese, non di quelli virtuali. In sintesi occorre un cambio di rotta affinché il nostro comune possa iniziare ad occuparsi di fatti concreti sui quali investire per una migliore vivibilità di Esperia>>.

MAGGIORANZA FANTASMAultima modifica: 2010-12-20T00:04:56+00:00da pdlesperia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento